La lingua ritrovata nell’amor perduto – Giuseppe Condorelli

La lingua ritrovata nell’amor perduto – Giuseppe Condorelli

 

[Di rado capita di trovare volumi che, utilizzando il cosiddetto registro linguistico dialettale, sappiano pure renderne letteraria giustizia. Da poco pubblicata, N’zuppilu n’zuppilu – Wet Through, (trad. di M. Bonomo e A. Brayley, disegni a china di T. Brancato, Le Farfalle Edizioni, Valverde 2016, pp. 60), la nuova raccolta del catanese Giuseppe Condorelli non delude di certo questa aspettativa, elevando a letteratura “la lingua della madre”:]

 

p058_1_01

 

E poi ci su i paroli
stritti
‘ncagghiati
chiddi ca non si diciunu.
Ca appoi è taddu.
Ma cu è ca talia
n’to scuru
da to’ carni
e scava
fino o to ciatu?
Sacciu tuttu di te
ca mi cuncimi
u sangu.
Chiddu ca non t’ae dittu
ancora cogghilu
intra a me ucca.
(Ccu ‘masuni).

 

[e poi ci sono le parole/ strette/ incagliate/ quelle che non si dicono./ Che poi è tardi./ Ma chi è che guarda/ nel buio/ della tua carne/ e scava/ fino al tuo fiato?/ Di te conosco ogni cosa/ tu che mi concimi il sangue./ Quello che ancora non ti ho detto/ coglilo/ dentro la mia bocca./ (Con un bacio).]

 

Impenetrable words
were struck
words not to be said
as it’s too late.
Then who’s the one
looking inside the darkness of your flesh
and digging as far as your breath?
I know everything about you
how you feed my blood.
Catch what I still haven’t said
in my mouth
(with a kiss).

 
***
 

Dimmilla
‘na parola
ca mi chiovi u munnu
su non parri.
Aoggi è bbonu
agghiorna prestu
intra
i’ to razza.

Attagghiu a tia
non finisciu mai.

 

[Dimmela/ una parola/ che mi piove addosso il mondo/ se non parli./ Oggi è bello/ fa subito giorno/ dentro/ le tue braccia.// Vicino a te/ non finisco mai.]

 

Tell me something
the world rains on me
if you say nothing.
And today it’s beautiful:
soon there comes the light
between your arms.

Next to you
I never end.

 
***
 

Lassili chiusi
‘nte casciola
i me paroli
su non t’ana cuntari
cchiù nenti.
Scoddatilli
quannu su
arriciatati.
Iettili luntanu
su non sevvunu
a diriti,
abbiili
‘nte sbalinchi funni
su si scoddunu
di tia.
Ne ‘rruscediri cchiù
quannu sbagghiunu
i to capiddi
a to ucca.
Strazzili
su non leggiunu
u to sapuri.

Su non c’a fanu
cchiù a diriti
ca
ancora
sugnu
do to.

 

[Lasciale chiuse/ nei cassetti/ le mie parole/ se non sono capaci/ di raccontarti più niente./ scordatele/ quando sono/ rauche./ Gettale via/ se non servono/ a dirti,/ lanciale/ nelle crepe più profonde/ se si scordano/ di te./ non cercarle più/ quando mancano/ i tuoi capelli/ la tua bocca./ stracciale/ se non leggono/ il tuo sapore.// se non riescono/ più a dirti/ che ancora/ sono/ tuo.]

 

Leave my words closed
in the drawers
if they can no more
tell you about anything.
Forget them
when they are hoarse.
Throw them away
if they can’t talk about you
if in some deepest clefts
they forget you.
Don’t look for them
anymore
when they miss your hair
your mouth.
Tear them up
if they can’t read your taste
if they don’t say that, still,
I belong to you.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *