Vocabolario d’innamorato: note a Valeria Mazzeo – Pietro Ingallina

Vocabolario d’innamorato: note a Valeria Mazzeo – Pietro Ingallina
p051_1_00
Per l’innamorato possedere un cofanetto dove poter trovare gli oggetti migliori per un’occasione particolare, è un’esigenza del tutto analoga a quella di costruirsi un vocabolario con cui parlare il proprio discorso. Un impulso comune anche in poesia.
[Ecco, alla seconda lettura del libro mi sono arreso a constatare che questa analogia si è fatta più insistente che mai].

TRE NOTE AL TESTO:

  1. Quello di Alle onde al vento (Le farfalle, Valverde 2015), infatti, è un vero caso di vocabolario amoroso – dove la ricorrenza dei termini tende all’unilinguismo. Così, la semantica del materno (‘madre’, ‘cuore’, ‘onda’, ‘mare’, ‘nuvole’) viene giustapposta a quella del lunare (‘silenzio’, ‘eternità’, ‘stelle’, ‘vento’, ‘Zefiro’), e il sentimento panico s’intreccia alla melanconia.
    Inoltre, se all’uso di un vocabolario occorre l’attività di un immaginario, i riferimenti classici e Romantici, e tutti quelli più espliciti cui potrei solo aggiungere Leopardi ed Éluard, corrispondono l’utilizzo delle preziose parole.
    Ma la citazione, per esser poetica, deve venir fuori dal ‘citare’, ricostruire la con-formità stessa del testo. Al di là dei tòpoi vi è un’esigenza del riferimento che, al contrario di quanto accade nel nostro caso, fa sì che il lirico greco possa risuonare titanicamente nel frammento, o che l’intimità dell’amore lunare si renda al meglio nella fiaba. L’esigenza, dico, del riferimento che muta nelle forme e nel loro uso.
  2. Mi è sembrato di notevole interesse l’adoperare uno pseudonimo. Si tratta di un ottimo espediente per scrollarsi di dosso il vezzo d’autore. Orvoloson Sadinov si legge nelle poesie – e ciò è facilmente intuibile nell’impiego dei pronomi e nell’accordo degli elementi della frase al maschile.
    Però, sarebbe stato decisamente più bello se non vi si potesse riconoscere nome altro da quello in copertina. Mi sono mio malgrado rammaricato nel leggere una nota biografica su Valeria Mazzeo alla fine. Lungi dalle mie intenzioni (se d’intenzioni si può parlare in scrittura…) fare dello stato della questione un problema di genere, ma non è solo una faccenda di accordo grammaticale a perplimermi. È, infatti, il tipico tratto femminino dell’amore lunare-materno a tradire nella finzione letteraria il mascolino di Orvoloson Sadinov, a favore dell’onor del vero autore.
    Rerum poetarum auctor: Valeria Mazzeo è presente e dà autorità [auctoritas] al proprio testo poetico.
    Quid pro quo?
  3. Il pregio di un portagioie è la facilità con cui trovare le cose; nel caso analogo della raccolta di poesie la sua brevità. L’insidia nascosta nella brevità e nel suo unilinguismo è però quella di rimanere fermi alla sola ripetizione senza gioco di differenza, – giocare con le parole: ripetizione della phoné e differenza del significato. E sarebbe questo gioco a fondare la musica del testo, gioco profondo ed essenziale in poesia e che ancora in Valeria Mazzeo tarda ad arrivare, poiché la musica è ivi ridotta alle semplici allitterazioni e figure di suono, mentre essa è il differenziale fra fonema e cosa intesa, tra signifiant e signifié. Né giova a tal proposito spezzare la lunghezza del verso, cambiarne lo stile da una poesia all’altra. Reputo anzi controproducente fissare il tutto in un medesimo registro, laddove si tentano invece variazioni di stile.

Pochi giorni addietro su Riverso si è pure parlato di musica e concetto, o meglio della musica del concetto [Innere Stimme] – qualcosa al contempo di profondamente mentale e temporale. Legare questi due termini non solo rimanda, sì, al mentale e al temporale, bensì anche alla formazione.
Aveva ragione Hegel: non esiste concetto senza esperienza, musica senza formazione.

Da Barthes, Contini, Francesco Petracco, Mos Maiorum, Tempio, Fenomenologia dello Spirito, Deleuze-Guattari

Soundtrack – Johnny Cash, Hurt

Pietro Ingallina

12032016

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *